sabato, Ottobre 16, 2021
spot_img

Riconoscimento della “Retribuzione Professionale Docenti”- Recupero delle spettanze economiche (compenso accessorio)

La Retribuzione Professionale Docenti (R.P.D.) è un compenso accessorio, corrispondente a € 164 lordi al mese (per i periodi di supplenza sino al 28 febbraio 2018) e a € 174,50 lordi mensili (per i periodi di supplenza dal 01 marzo 2018).

Tale importo non è corrisposto, in busta paga, per i contratti di supplenza breve e saltuaria, essendo diversamente assegnato ai docenti di ruolo e ai colleghi con contratti al 30 giugno o 31 agosto.

Eppure la Corte di Cassazione, con ordinanza n. 20015/2018, ha così argomentato: l’art.7 del CCNL 153/2001, per il personale del comparto scuola, interpretato alla luce del “principio di non discriminazione” – sancito dalla clausola 4 dell’accordo quadro allegato alla direttiva 1999/70/CE – attribuisce, al comma 1, la retribuzione professionale docente a tutto il personale docente ed educativo, senza operare differenziazioni fra assunti a tempo indeterminato e determinato e fra le diverse tipologie di supplenze.

Potranno aderire al “RICORSO RPD” i docenti (precari e di ruolo) e personale ATA, che hanno firmato contratti di supplenza breve e saltuaria e che intendono recuperare il citato emolumento economico.

Per fissare un appuntamento con nostri i legali o per maggiori informazioni, invia una mail al seguente indirizzo: avvocati.associazione.aida@gmail.com

Articoli correlati

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi